Archivi tag: salute

#SPEGNIPREGIUDIZI: TUTTE LE SPEZIE DEL MONDO…PER LA TUA SALUTE!

Le spezie sono delle sostanze aromatiche, generalmente di provenienza esotica, presenti in maniera più o meno abbondante nelle cucine degli italiani. Sono delle sostanze preziose, non soltanto per insaporire i nostri piatti,  ma nella vita di tutti giorni, per la protezione della salute e per la prevenzione delle malattie. Alcune spezie, più di altre, sono ricche di proprietà benefiche in grado di rafforzare il nostro sistema immunitario e di regolare i livelli del colesterolo e degli zuccheri nel sangue.

Tali proprietà, sebbene sconosciute ai più, erano ben conosciute sin dall’antichità ed hanno avuto un ruolo fondamentale nell’evoluzione della società moderna. Basti pensare agli Egizi che già intorno al 2600 a.C. consumavano cibi “speziati” per mantenere le maestranze in forze e favorire la costruzione dei monumenti colossali che tutti noi conosciamo.  Nel papiro Ebers (redatto intorno al XVI secolo a.C.) sono descritti numerosi rimedi a base di erbe aromatiche e spezie e fra i ritrovamenti archeologici vi sono tracce di anice, fieno greco, cardamomo, cassia, cumino, aneto e zafferano. Già in quest’epoca la gran parte delle spezie proveniva dall’India.

cucinare bio it(Photo: cucinarebio.it)

Nell’alto Medioevo l’incontro con la cultura alimentare araba contribuì al delinearsi di un gusto nuovo, seppure saldamente ancorato ai caratteri di fondo della cucina romana. Con gli arabi giunsero in Europa due prodotti chiave per la trasformazione del gusto: gli agrumi e lo zucchero di canna, che, progressivamente, sostituirono l’aceto ed il miele rendendo più morbido il contrasto agro-dolce.

Gli Arabi rappresentarono inoltre per alcuni secoli il principale collegamento tra l’Europa e l’Oriente, e quindi con il mercato delle spezie.

Nel mondo antico erano tra i prodotti di maggior valore, in grado di giustificare, da soli, l’apertura di nuove rotte commerciali, talmente preziosi da avvicinare ed unire i popoli. Le spezie furono il motivo principale per cui il navigatore portoghese Vasco da Gama aprì la rotta per l’India.

profumi di damasco com(Photo: profumididamasco.com)

Col passare del tempo, fino ad arrivare ai giorni nostri, il gusto d’oriente è stato soppiantato dal sospetto di “qualcosa di diverso”. Ad impoverirsi non è stata solamente la nostra alimentazione, ma soprattutto la nostra cultura. Perché non cominciare proprio dalla tavola un difficile (ma assolutamente possibile) processo di integrazione socio-culturale? Avremmo solo da guadagnare, sotto tutti i punti di vista.

 Dott.Silvio Buffa

SIAMO CIO’ CHE MANGIAMO: COME TRARNE VANTAGGIO?

Il corpo è il tempio dell’anima e come tale, va conservato in buona salute, migliorato e messo nelle migliori condizioni per trarne giovamento ogni giorno.
La nutrizione è una delle chiavi più importanti per far sì che ciò avvenga, nel rispetto delle necessità di ognuno. Stare bene con se stessi, essere in forma e pieni di energia, sono le chiavi per aver stima e fiducia nei propri mezzi e nelle proprie capacità.
Iniziare un percorso nutrizionale non è semplice, può essere stancante e lungo. Perché allora farlo? Rispondere a questa semplice domanda racchiude in sè una buona parte del successo che otterremo migliorando le nostre abitudini alimentari.
Il percorso nutrizionale consente, ad esempio, di scegliere determinati cibi piuttosto che altri in base all’obiettivo che ci si propone di ottenere, senza vivere il tutto come una privazione. Al contrario, sarà possibile mangiare bene, con gusto e godendo del piacere della tavola, anche ritagliandosi un po’ di tempo per “dialogare” col cibo per imparare a cucinarlo, in che momenti e con quali combinazioni.

mangiare_sano (Photo: ciclonotes.it)

Comprendere perché ingrassiamo o non mettiamo su massa muscolare o, ancora, perché restiamo così magri pur mangiando in abbondanza, sono tutte risposte che un nutrizionista deve saper fornire a chi richiede un consulto. A prescindere da quanto sia difficile l’obiettivo, si tratta di un lavoro che si fa insieme alla persona e sul rapporto che essa ha col cibo. Come capire, quindi, il motivo per cui il corpo reagisce in un certo modo ad un nostro comportamento alimentare? E come poter usare queste conoscenze?
Accompagnare un individuo lungo questo tragitto, sostenerlo, motivarlo e spingerlo a fare un passo avanti, ogni giorno, è il lavoro del nutrizionista.
Non si tratta di semplice matematica – “elimino questo e quest’altro, non bevo alcol, ed è fatta”- perché, se fosse così semplice, sarebbero tutti sani e in forma. Non si tratta soltanto di calorie e di grassi, è molto più complesso, ma anche stimolante!

nutrizione(Photo: dueponti.eu)

Pensare che una dieta sia, per definizione, privazione e sofferenza, rinunce a tutto tondo, è l’anticamera del fallimento. Risulta già difficile per ognuno di noi, cambiare il proprio stile di vita; come ogni cambiamento, non è mai facile o scontato. In sintesi, il lavoro del nutrizionista è, quindi, fornire una serie di armi e le istruzioni su come usarle, per ottenere quello che molti sognano: un corpo migliore, in salute, che trasmetta fiducia, che eviti o possa resistere meglio alle malattie e che consenta di vivere una vita attiva.Si può decidere di iniziare a prendersi cura di sè a qualunque età ed in qualunque condizione.

Siamo ciò che mangiamo. È un fatto.

Il percorso con il nutrizionista vi insegnerà come trarre il massimo del piacere dalla tavola e come ottenere risultati che non reputavate pensabili, fino a poco prima di iniziare il cammino per il miglioramento del proprio corpo e della propria salute. Che siate mamme, sportivi, obesi o semplici cultori del mangiare e vivere bene, il nutrizionista diventerà il vostro compagno di viaggio, per aiutarvi a comprendere perchè alcuni proprio non riescano a smaltire gli eccessi fatti durante le vacanze, rimpinzandosi di buoni gelati e altre leccornie, mentre altri possano farlo senza metter su peso.

Dopo averlo compreso a fondo, sapere cosa fare, come farlo, come mangiare e come cucinare con gusto, come comprendere i segnali che il corpo manda…diventerà una piacevole consuetudine!

Dott. Alessandro Romano