Archivi tag: dimagrire

QUALI CIBI SCEGLI DOPO LE FESTE?

Ogni fine anno gli “eccessi” a tavola raggiungono un picco fisiologico: cene, feste ed aperitivi aumentano, causa anche le vacanze natalizie, e la quantità di cibo che ingeriamo cresce; di conseguenza anche un certo senso di pesantezza, appannamento e saturazione ci accompagna per un periodo più o meno lungo, lasciando strascichi indesiderati.

Fatto salvo che “digiunare” durante le feste, o limitarsi fortemente non è auspicabile, a meno di specifiche problematiche di salute, ciò che serve è ripartire quanto prima verso il traguardo di un corpo sano, di livelli di energia stabili e di benessere generale!

Madre Natura, fortunatamente, ci mette a disposizione alcuni alimenti le cui proprietà risultano di grande aiuto nel depurarsi dopo un periodo di abbuffate.

Vediamone alcuni dunque:

Limone: è uno dei cibi alcalini per eccellenza, nonostante il suo sapore aspro. Stimola la produzione di enzimi e facilita l’eliminazione delle tossine. Al mattino bere succo di limone in acqua, magari accompagnato da semi di lino è la ricetta perfetta per alcalinizzare e depurare l’organismo. E’ una pratica che può essere seguita giornalmente, a meno di problemi specifici, quali ad esempio forti gastriti.

Broccoli: I germogli sono ricchissimi di sulforafano, un principio attivo che stimola gli enzimi antiossidanti e detossinanti. L’ideale sarebbe aggiungerli crudi all’insalata; così da conservare intatte tutte le proprietà nutritive. Può andare bene anche la cottura a vapore, ma solo per pochi minuti.

Carciofi: La pianta del carciofo aiuta a depurare fegato e cistifellea perché stimola la secrezione di bile da parte delle cellule epatiche e agevola il flusso della bile dalla cistifellea all’intestino. Inoltre, ha un effetto diuretico che facilità il drenaggio e l’eliminazione delle tossine con l’urina. La tisana di carciofo è un utile e vecchio rimedio, atto proprio ad ottenere quanto detto sopra. Anche carciofi bolliti o al forno sono un toccasana!

frutti da favola it
FruttiDaFavola.it

Tè verde: E’ una bevanda molto energetica e benefica. Il tè verde è ricco di antiossidanti, come le catechine, che stimolano la funzionalità del fegato e aiutano a combattere l’acidosi causata dalle tossine. Bere in un giorno acqua con limone, ed almeno una tazza di tè verde consente una forte riduzione dell’acidosi metabolica, conseguenza di eccessi a tavola. Nel caso di problematiche di ipertensione bisogna invece approcciare a questo magnifico preparato con attenzione e sotto consiglio medico!

Mela: apporta molteplici benefici, come ci ricorda il proverbio “una mela al giorno, toglie il medico di torno“. Ad esempio, facilitano la depurazione dai metalli pesanti è ricca di nutrienti fondamentali. La pectina contenuta nella mela aiuta a disintossicare l’intestino e a sviluppare una sana flora batterica intestinale. Attenzione nel caso in cui soffriate di intestino pigro!

Aglio:  L’aglio è da sempre conosciuto per il suo potere anti-virale e gli effetti anti-settici e antibiotici, derivati dal contenuto di solfurici e curcumina. Aiuta a ridurre le tossine che il nostro organismo produce come scarti metabolici, e a depurare il sangue. Non avrà un grande odore, ma può insaporire mille piatti, e per chi non avesse problemi con il gusto, anche mangiato crudo è un’ arma in più per depurare il nostro corpo!

Coriandolo: è una spezia saporita, alla base della cucina indiana. Normalmente viene venduto in semi o in polvere, si può aggiungere a piatti sia cotti che crudi e si trova anche sotto forma di integratore in compresse, allo stesso modo di alcuni dei cibi sopra elencati. Il coriandolo ha proprietà chelanti, è in grado cioè di legare i metalli pesanti – come mercurio, arsenico, alluminio, piombo – permettendo al corpo di eliminarli. Inoltre, agevola il metabolismo dei carboidrati.

ambiente bio it
Ambientebio.it

Tutti gli alimenti sopra elencati sono di facile reperibilità ed utilizzo, e nelle due settimane seguenti ad un periodo di abbuffate, dovrebbero essere usati con regolarità. Cosi come far parte della dieta giornaliera, per chi volesse rivedere certi abitudini ed impararne di nuove e più sane.

I principi nutrizionali benefici contenuti negli alimenti sono spesso alla base di integratori da banco, ed in alcuni casi il loro utilizzo è davvero prezioso.

Senza necessità specifiche, quali un’ intolleranza o difficoltà digestive verso uno o più di questi cibi, conviene sempre consumare il prodotto fresco, sia da un punto di vista economico (gli integratori costano ben più del cibo da mettere in tavola, generalmente), che biochimico. L’assorbimento dei nutrienti da cibo fresco è mediamente migliore, più completo e valido.

Alessandro Romano

L’IMPORTANZA DEI GRASSI!

Oggi  parliamo di una delle sostanze più bistrattate ed allo stesso tempo fondamentali che possiamo trovare nel cibo che mangiamo: i grassi.

Spauracchio assoluto, accusati di essere alla base di problemi vascolari e patologie cardiache e di rendere il nostro corpo più debole e flaccido, i grassi sono invece importantissimi per le molteplici funzioni che ricoprono! Come sempre accade, ciò che conta è la qualità del grasso che ingeriamo, e la quantità.

grassi saturi e insaturi
Photo: Diregiovani.it

Iniziamo la nostra breve panoramica, che approfondiremo in articoli a venire, concentrandoci invece su tipologie specifiche di lipidi, determinanti per uno stato di salute ottimale del nostro organismo.

Una funzione peculiare dei grassi è la produzione di energia e la capacità di fornire una riserva della stessa.

A riposo o sotto sforzo fisico blando, il 70-80% dell’energia che il nostro corpo utilizza viene dalla combustione di grasso. Ogni grammo di grassi sviluppa l’equivalente di 9 kcal, più del doppio di carboidrati e proteine. Quando sottoponiamo il corpo ad uno stress fisico intenso, l’utilizzo dei grassi permane, mentre sale la combustione di zuccheri.

1 Kg di grasso immagazzinato sarebbe sufficiente per farci percorrere 100 Km a piedi senza andare in debito di energia! Il digiuno prolungato viene combattuto dall’organismo, fin da tempi antichi, esclusivamente grazie alle riserve di lipidi.

grassi insaturi
Photo: Vitadamma.com

Un’altra funzione vitale dei grassi è la costituzione, insieme ad altre sostanze, delle membrane cellulari dei miliardi di cellule che compongono il nostro organismo. In particolare fosfolipidi e colesterolo sono direttamente coinvolti nel processo appena illustrato.

Alcuni fosfolipidi (una tipologia di grassi) sono alla base del sistema con cui il nostro corpo combatte i radicali liberi, agenti responsabili di gran parte delle malattie degenerative, della vecchiaia e forse di alcune forme tumorali (si sta indagando a mezzo di studi scientifici la veridicità di questa ipotesi).

Il colesterolo, a dispetto della nomea che si è guadagnato (giustificata, ma non completamente), è il precursore da cui si formano gli ormoni steroidei, come testosterone, cortisolo e progesterone. Ecco perchè quasi sempre le donne che scendono sotto il 12% circa di grasso corporeo (la percentuale è in rapporto al peso totale di una persona), accusano problemi di amenorrea, quindi assenza di ciclo, e squilibri ormonali più o meno gravi

Photo: Teatronaturale.it
Photo: Teatronaturale.it

Non è finita qui! Molte vitamine, micronutrienti necessari al corretto funzionamento di un organismo, sono liposolubili – vengono cioè trasportate da molecole di grasso, senza le quali semplicemente non eserciterebbero la loro benefica azione. Ecco perchè non si può mai scendere sotto i 20-25 gr. di grassi al giorno, se non per brevissimi periodi e sotto stretto controllo medico-clinico.

I grassi sono anche coinvolti nella formazione della mielina , il rivestimento delle cellule del sistema nervoso, che protegge i nervi e conduce l’impulso nervoso. Un deficit di acidi grassi essenziali è alla base di problemi visivi e nervosi nel neonato, e di sbalzi a carico dell’ umore nell’adulto, ad esempio.

I grassi sono infine importantissimi nella formazione della cute, nella regolazione della temperatura corporea e nella protezione dai traumi articolari.

Photo: http://sugarandspice-celeste.blogspot.it
Photo: http://sugarandspice-celeste.blogspot.it

Prima di fiondarvi su una torta di panna e fragoline, o su un barattolo di Nutella occorre però concludere con una postilla: non tutti i grassi sono utili, non tutti esplicano le meravigliose azioni che abbiamo esposto, né tutti i grassi concorrono a mantenere il nostro corpo in salute!

E soprattutto, essendo molto ricchi di energia (calorie), come esposto al primo punto della nostra breve panoramica, vanno dosati in base a molteplici fattori, onde evitare che si accumulino, rendendoci meno tonici, esteticamente non appagati e scatenando una serie di problemi di salute direttamente correlati all’eccesso di lipidi.

Nelle prossime settimane tratteremo l’importanza di specifiche tipologie di grassi, senza le quali il nostro organismo non può sopravvivere, e degli alimenti che li contengono. E discuteremo anche di alcune forme chimiche di lipidi che sono invece devastanti per il nostro corpo, non solo a livello estetico, ma per la salute complessiva.

Photo: Nonsprecare.it
Photo: Nonsprecare.it

Ciò che è importante sapere, prima di approfondire l’argomento, è che i grassi sono essenziali per la vita di tutti i giorni, per il corretto funzionamento del nostro organismo e che non sono il male assoluto a livello nutrizionale. Certi tipi di zuccheri lo sono molto, molto di più. E’ sempre una questione di qualità e quantità e la consapevolezza di cosa decidiamo di mettere in tavola per appagare il palato e le necessità del nostro corpo.

 
Dott. Alessandro Romano