Archivi tag: centro alife

26 SETTEMBRE: UN NUOVO INIZIO!

Ci siamo! Manca davvero poco all’apertura ufficiale delle porte del Centro A.Li.Fe. e non potremmo essere più felici.

Se seguite il Centro su Instagram (@centroalife) avrete già visto qualche foto dei nostri #workinprogress e di come piano piano ogni angolo prende vita.

Questo post però serve non solo a ricordarvi che vi aspettiamo venerdì 26 Settembre (trovate tutti i dettagli dell’evento qui) ma anche a ringraziare tutte le persone che hanno sposato il progetto più di un anno fa e hanno continuato a collaborare con noi, regalandoci ogni giorno un’emozione in più.

Così, come si fa alla fine di uno show, mentre noi siamo ancora all’inizio, vogliamo cominciare ringraziando OninO per la realizzazione del nostro logo, non solo per l’ultilizzo “ufficiale” quanto per tutte le opere da lui realizzate che portano il nostro logo e che troverete esposte al Centro.

In occasione dell’inaugurazione inoltre troverete diverse delle sue opere esposte nelle varie stanze del Centro.

Un grazie alla graphic designer Elisa Di Giovanni, che ha trasformato il logo in digitale e creato la testata del nostro sito e tutto il necessario per le stampe cartacee.

In occasione dell’inaugurazione, durante l’aperitivo, avrete modo di assaggiare le delizie offerte dal ristorante Da Diego, dalla pizzeria Daniel’s, delle specialità locali del caseificio La Montanara e del buon vino offerto dalle case vinicole Maremonti e La Chiusa.

Non abbiamo parole a sufficienza per ringraziare tutti quelli che hanno voluto collaborare con noi in occasione di questa giornata di festa e non vediamo l’ora di condividerla con tutti voi!

Vi aspettiamo venerdì 26 Settembre, a Palermo, in via Trasselli 33 dalle ore 19.00 alle ore 21.00 per brindare insieme!

E se non potrete esserci fisicamente, potrete seguirci sulla nostra pagina Facebook o sul profilo Instagram, useremo l’hashtag #CentroAlife per portarvi con noi durante la serata!

PERCHE’ UNA PSICOTERAPIA?

A volte, nella nostra vita, può capitare di attraversare periodi difficili, momenti in cui sentiamo di non riuscire ad affrontare le situazioni in cui ci imbattiamo ogni giorno.

Un lutto, una separazione, una scelta faticosa, un cambiamento inaspettato o un amore complicato possono metterci in crisi e farci sentire inadeguati, incapaci e impotenti di fronte alle “normali” sfide quotidiane.

Purtroppo ancora oggi, la figura dello psicoterapeuta viene presa in considerazione solo quando sentiamo di aver esaurito tutte le nostre energie o pensiamo di aver vagliato tutte le soluzioni possibili. In poche parole quando crediamo di non avere più alternative se non quella di rivolgerci, non senza perplessità, ad uno “strizzacervelli”: il “medico dei matti”.

counseling bologna

(Photo: Counseling-bologna.it)

L’inizio di una psicoterapia, rischia così di essere sconvenientemente vissuto come la certificazione del passaggio da una condizione di normalità a una condizione di patologia, che necessita quindi di un “intervento medico specialistico”.

Tuttavia, affidarsi ad uno psicoterapeuta non significa ammettere la sconfitta definitiva o demandare all’altro il compito di risolvere il problema, né tantomeno significa ammettere di essere “pazzi”.

Al contrario, dimostra di avere la maturità e l’umiltà di mettersi in discussione, di assumersi la responsabilità della guida del proprio processo di crescita personale. Significa darsi la possibilità di accettare i propri limiti, potenziare le risorse necessarie ad affrontare in modo produttivo le circostanze che creano difficoltà e rendono faticosa l’espressione delle proprie capacità e competenze. La psicoterapia offre la possibilità di avere uno spazio “protetto” entro il quale sperimentarsi e sperimentare modalità relazionali efficaci. È il luogo in cui la nostra sofferenza, i nostri dubbi e la confusione vengono accolti, compresi e non giudicati.

Qualsiasi cambiamento ci fa crescere, e possiamo farci accompagnare in questo viaggio da un professionista che si distingue da un qualunque amico: ci ascolterà senza giudicarci, non vorrà sostituirsi a noi dicendoci “come avrebbe fatto lui”, né ci proporrà consigli o soluzioni sbrigative. Lo psicoterapeuta accompagnerà quindi la persona in un percorso che punti al benessere, aiutandola a recuperare la fiducia in sé e a rafforzare la propria autonomia, agevolando un processo di autoconsapevolezza che consenta di riconquistare il proprio potere personale e di esercitarlo in tutte quelle situazioni in cui, in passato, abbiamo sperimentato un senso di inadeguatezza.

Dott.ssa Federica La Pietra