AGOPUNTURA E MEDICINA CINESE: RIMEDI ANTICHI PER MALI MODERNI

L’Agopuntura è una branca della Medicina Cinese, una medicina antica che cominciò a diffondersi e svilupparsi in Cina già dal V secolo a.C.

La particolarità di questo tipo di medicina consiste nel tenere conto dell’aspetto organico, filosofico e persino spirituale dell’individuo, considerandolo nella sua interezza, non separando la componente fisica da quella che, in Occidente, potremmo definire come componente psicologica o mentale di una patologia, permettendo di riequilibrare il sistema energetico dell’individuo il cui sbilanciamento è causa di malattia.
Sulla base di queste considerazioni, la medicina cinese viene considerata una medicina energetica, la cui prerogativa è data da un approccio olistico che può essere efficacemente impiegato nella cura di numerose patologie (osteo-articolari e muscolari, respiratorie, digestive, dermatologiche e ginecologiche).

agopuntura_centroalife

(Photo: mpdslifestyle.com)

L’Agopuntura, in particolare, si avvale dell’utilizzo di aghi che coniugano un approccio antico ad un’esigenza moderna: ovvero ridurre e razionalizzare l’impiego di farmaci, spesso non risolutivi sul problema e non privi di effetti collaterali. A questo proposito, vale la pena ricordare, come la stessa OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità abbia inserito l’Agopuntura fra le principali indicazioni terapeutiche per diversi tipi di malattie, che includono patologie respiratorie, gastrointestinali e neuro-miopatie, al fine, soprattutto, di minimizzare l’impiego di farmaci nelle patologie croniche.
Il percorso terapeutico viene iniziato con una prima visita che permette la raccolta dei dati clinici ed anamnestici, e successivamente si sviluppa con un ciclo minimo di otto sedute, della durata di circa 25 minuti ciascuna, con cadenza bisettimanale per le prime quattro sedute e di una volta alla settimana per le successive.

La terapia consiste nella cosiddetta somatopuntura e si avvale dell’ausilio di diversi presidi, come – ovviamente –  aghi sterili monouso ed anche la moxibustione, una tecnica che sfrutta il calore derivato dalla combustione di artemisia (erba confezionata in forma di sigaro). L’approccio energetico dell’agopuntura sulla persona, la rende inoltre un’ottimo strumento di integrazione e completamento di percorsi terapeutici di tipo psicologico, fisioterapico e nutrizionale, permettendo un pieno recupero dello stato di benessere psicofisico.

Dott.ssa Nunzia Cisarò